Pro Loco Casacastalda

Home

Casacastalda

Il nostro paese, di origine medioevale fu costruito nell'anno 763 d.C. dal longobardo “ ERNERO CASTALDO ”, da qui “Casa del Castaldo ” che poi si è trasformata in CASACASTALDA.

Sorge su una collina a 550 s.l.m. ed è circondato da verdi colline, dominate da: Monte Serra, Monte Luciano, Monte della Dea e Monte Santa Cristina.Panoramica casacastalda

Dopo la caduta dell’ impero Napoleonico, Casacastalda fu assegnata a Valfabbrica, di cui è ancora oggi è parte integrante. Conta circa 850 abitanti che durante il periodo estivo diventano circa 1000.

Casacastalda è un piccolo borgo situato nel cuore dell' Umbria. Si trova, infatti, al centro di una vasta area territoriale all’interno della quale si collocano importanti centri come Perugia, Assisi, Nocera Umbra, Gualdo Tadino e Gubbio, città che si possono intravedere salendo al vicino Monte Serra ( monte a 780 metri di altitudine che sovrasta CasaCastalda), dove c'è una piccola chiesa in pietra costruita per ricordare il luogo ove S.Francesco di Assisi sostava in preghiera ogni volta che da Assisi si recava a Gubbio.

Chiesa M. Serra

Il centro storico è suggestivo, con le abitazioni realizzate interamente in pietra. La sua forma a “diamante” coincide con la pianta del castello, dotato di  tre porte di accesso: Porta Perugina o Porta Sole, Porta del Giglio o Porta Gualdese e Porta Eugubina. La piazza di Casacastalda (Piazza XXIV maggio) è dominata dalla Chiesa Parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta (X Secolo),

Chiesa Parrocchialela cui struttura attuale risale al 1883 ed è dominata da un campanile in pietra  che rappresenta il punto più alto del paese. L’abside interno è stato decorato dal pittore perugino Alessandro Bianchini nel 1922. Nella navata destra si trova il "Trittico" del pittore Matteo da Gualdo. Il fonte battesimale è caratterizzato da una campana antichissima datata 1508. Le vetrate policrome, di recente installazione, raffigurano numerose immagini devozionali.

Poco lontano dal centro storico si può ammirare il bel Santuario della Madonna dell'OlmoSantuario Madonna Dell'olmo(1486), prezioso gioiello religioso ed artistico, eretto per ricordare il miracolo della Beata Vergine che, il 22 Maggio 1486,  apparve ad una pastorella su un olmo, il cui tronco è tuttora conservato all'interno della chiesa. Il Santuario fu affrescato da Matteo da Gualdo ed altri negli anni 1486-88. Nella piazzetta di fronte alla chiesa si può ammirare una pregevole statua di Madonna con Bambino realizzata in marmo bianco da uno scultore indiano.

Madonna con Bambino

Nell’ottobre 2004 è stato poi inaugurato il “DOLMEN”,Dolmen ovvero il Monumento al Motociclista. Unico nel suo genere, il cippo sorge su una terrazza belvedere, lungo il marciapiede che costeggia la strada statale. È meta obbligata per gli amanti delle due ruote e luogo affermato per eventi a carattere motoristico e manifestazioni popolari, come ad esempio "Le Curve del Cioccolato". In occasione del Natale 2008 ha ricevuto la visita del supercampione Loris Capirossi.

Gita al Santuario di Loreto e Sirolo

Loreto

Elisir di Lunga Vita e Pro-Loco Casacastalda organizzano: gita al Santuario di Loreto e Sirolo Domenica 18 Maggio. Partenza ore 7.30 presso Santuario Madonna dell'Olmo. Ore 11 Santa Messa nel Santuario concelebrata dal nostro parroco Don Raniero Menghini. Pranzo libero o da confermare al momento dell'iscrizione presso il Pellegrino e Pace. Iscriversi presso gli alimentari di Carpinelli Gustavo o Sgueglia Maria Elisa. Nel pomeriggio uscita a Sirolo. 

Sirolo

Durante il ritorno sosta per la cena a base di salumi e formaggi (offerta dalle due associazioni) nel piazzale delle Grotte di Frasassi. Rientro previsto per le ore 21.30 circa.

N.B. Tempo massimo d'iscrizione entro e non oltre il 10 Maggio. 

Benedizione dei caschi 2014

DOLMEN




benedizione dei caschi

Cantamaggio 2014

Da Venerdì 30 Maggio fino al 1 Giugno torna a Casacastalda il tradizionale Cantamaggio, rassegna di canti popolari del Maggio Umbro organizzata dalla Pro Loco di Casacastalda in programma ogni anno nel fine settimana dell'Ascensione. Il Cantamaggio con i suoi canti popolari di ispirazione contadina dà il benvenuto alla bella stagione con simpatiche stornellate e piccanti sonetti che rievocano la tradizione delle serenate.

 

Cantamaggio